Indire il bando per l’affidamento della gestione dei parcheggi è facoltà, non obbligo. C’è anche un’altra strada: l’affidamento diretto “In House” a Linee Lecco

In relazione alle dichiarazioni dell’Assessore uscente Francesca Rota, ci preme fare alcune precisazioni riguardo la decisione di questa Amministrazione in scadenza di mandato di indire un bando per la gestione dei parcheggi pubblici.

manovraIn primis sarebbe stato auspicabile che un’Amministrazione Comunale avesse fatto il possibile per garantire alla sua (e di tutti i lecchesi) azienda di Trasporto Urbano le migliori condizioni possibili, al fine poter svolgere un servizio pubblico essenziale. Questa è una delle nostre priorità.
La decisione della Giunta Brivio di mettere a gara l’affidamento dei parcheggi attualmente in scadenza, nonché di quelli in fase di acquisizione, va nella direzione opposta. E’ una questione di volontà politica.

Il comune non ha l’obbligo di mettere a gara il servizio, ne ha la facoltà, come ribadito da una giurisprudenza ormai decennale e recentemente ripreso anche dal Consiglio di Stato.
La Giunta Brivio avrebbe potuto scegliere di affidare direttamente “In House” a Linee Lecco la gestione dei parcheggi, garantendo alla sua partecipata le risorse economiche necessarie al potenziamento e sviluppo del trasporto urbano.

15239_10201072695167799_1269164479_nSiamo convinti che un’attenta ed efficiente gestione dell’ampia dotazione di parcheggi cittadini, in capo a Linee Lecco, possa garantire, oltre che una sostenibilità economica e finanziaria di lungo termine del Trasporto Pubblico Urbano, anche la possibilità di fornire ai soli residenti in città un servizio di trasporto urbano gratuito in modo da venire in contro anche ai bisogni delle fasce più deboli.

La decisione della giunta uscente condiziona le scelte strategiche dei prossimi anni in materia di trasporto urbano, vanificando di fatto la possibilità di poter garantire un trasporto urbano gratuito ai cittadini lecchesi.
E’ bene che i lecchesi lo sappiano.