Un’altra visione di città…

E’ da mesi che la città è in fibrillazione per le ventilate politiche di “razionalizzazione” dei plessi scolastici, volute da questa Amministrazione, con l’Assessore all’Istruzione Rizzolino in prima linea contro tutti.

Non sorprende più di tanto lo zelo dell’Amministrazione nell’applicare le direttive del Governo, a loro volta emanazione dei diktat della “burocrazia europea”: tagli ai servizi essenziali per la cittadinanza travestiti da “razionalizzazione e ridimensionamento”.

E’ imbarazzante il teatrino a cui assistiamo seguendo le dichiarazioni dell’Assessore Rizzolino, nei contesti istituzionali, e le controdichiarazioni, all’esterno, del Capogruppo PD Citterio impegnato nel negare un disegno politico già ben definito, poiché non si ha il coraggio di palesarlo apertamente ai cittadini.

E’ evidente lo scollamento tra il pensiero di questa Amministrazione e quello della maggioranza dei cittadini finora incontrati, i quali vedono minacciata la peculiarità del loro rione che, invece, è un punto di forza da tutelare e salvaguardare, in quanto collante del tessuto sociale di una comunità e fondamento stesso delle sue tradizioni.

Parlare di “superamento della frammentarietà dei plessi scolastici”, come fa l’Assessore, significa stravolgere il delicato equilibrio dei nostri rioni e le loro caratteristiche, tagliando le radici di questa città e dei suoi abitanti.

Questo per noi non è accettabile!

I contenuti della proposta presentata nell’ultima Commissione contraddicono numerosi passaggi dell’ordine del giorno approvato dal Consiglio Comunale del 13 aprile scorso.

Un piano per “recuperare al possesso dell’ente gli spazi scolastici di sua proprietà, attualmente utilizzati dall’amministrazione provinciale per la secondaria di secondo grado”, come indicato nel documento presentato in Commissione dall’Assessore, a cosa serve?

Dal momento che si tratta di plessi e spazi di grandi dimensioni, non vorremmo che l’obiettivo fosse di farne degli agglomerati, da decine di sezioni della scuola primaria, concentrando in 2 o 3 strutture ciò che oggi si articola capillarmente innestandosi nel tessuto sociale e cittadino. Se l’obiettivo è questo, come noi siamo convinti, siamo assolutamente contrari.

E’ bene che l’Amministrazione lo dichiari apertamente in tempi brevissimi e non ad ottobre come invece sta cercando di fare procrastinando una decisione politica che nella sua testa ha ben definita, per mettere poi di fronte ad un fatto compiuto tutti i genitori.

Noi crediamo invece in un modello orizzontale e diffuso che salvaguardi i piccoli plessi, garantendogli indipendenza ed efficienza dal punto di vista energetico, che punti sulle peculiarità del rione e del contesto ambientale in cui è inserito. Questa dovrebbe essere la missione primaria dell’Amministrazione.

Siamo convinti che si possa scongiurare l’ipotesi di chiusura di alcuni plessi attraverso un patto con la cittadinanza che veda nella scuola e nei suoi spazi uno strumento per aiutare i rioni superare anche i limiti di scelte urbanistiche scellerate e per cooperare nella soluzione di un problema comune inventando e costruendo una soluzione collettiva che veda in prima linea i cittadini stessi con la riscoperta del senso di Comunità.