M5S Lombardia: Inceneritore di Valmadrera, la Regione non deve imporre il teleriscaldamento!

Il 9 giugno scorso, nell’ambito di un’audizione presso la commissione Ambiente del Consiglio Regionale, il Coordinamento Lecchese Rifiuti Zero ha riportato le preoccupazioni dei cittadini relative al potenziamento autorizzato dalla Regione Lombardia dell’inceneritore di Valmadrera e al progetto del teleriscaldamento, denunciando l’insufficiente livello di raccolta differenziata nella provincia di Lecco (da 10 anni ferma al di sotto di un insoddisfacente 60%. Con l’ultimo anno che la vede ferma ad un misero 58,5%) nonché diverse irregolarità segnalate da Arpa, Agenzia regionale protezione ambiente, relative alla gestione ambientale del forno da parte del gestore, la società pubblica SILEA S.p.A.

La Regione Lombardia ha imposto la realizzazione della rete di teleriscaldamento come condizione necessaria per il rinnovo delle autorizzazioni di esercizio del forno.

valmadrera-1

Il 21 luglio prossimo il M5S Lombardia presenterà alla Commissione Ambiente del Consiglio Regionale una risoluzione che impegna il Presidente e la Giunta Regionale ad eliminare la prescrizione che lega il potenziamento del forno alla realizzazione del teleriscaldamento.

Gianmarco Corbetta, capogruppo del M5S Lombardia: “Il Coordinamento ha calcolato che l’inquinamento emesso dal teleriscaldamento è più elevato rispetto a quello delle caldaie domestiche a metano che si andrebbero a spegnere, soprattutto per la quantità di diossine che risulta oltre 10 volte superiore”.

Se si volesse davvero abbattere l’inquinamento – continua Corbetta – bisognerebbe porsi come obiettivo la dismissione del vecchio forno, coerentemente con gli scenari di decommissioning previsti dal Consiglio Regionale. Da questo punto di vista non è accettabile l’autorizzazione che è arrivata da Regione Lombardia al potenziamento dell’impianto di Valmadrera, così come la prescrizione di realizzare la rete di teleriscaldamento. Il piccolo forno di Valmadrera ha tutte le caratteristiche per poter essere dismesso e non deve essere obbligato a funzionare ancora per qualche decennio contro ogni logica ambientale ed economica. L’obiettivo della nostra risoluzione è lasciare liberi i soci di Silea, di decidere se fare il teleriscaldamento cancellando il pretesto che “lo impone la Regione”.

La realizzazione della rete di teleriscaldamento rappresenta un pesante vincolo per i prossimi decenni”, conclude Corbetta.

Per Massimo Riva, capogruppo del M5S Lecco: “Non ha senso lo spreco di denaro pubblico per il faraonico progetto di rinnovo del forno inceneritore funzionale al teleriscaldamento, della cui fruizione beneficerebbero poche migliaia di cittadini, mentre i rischi economici e finanziari ricadrebbero su tutti gli abitanti dei comuni soci di Silea Spa”.

A nostro giudizio – ribadisce Riva – il momento è invece propizio per programmarne la dismissione (anzichè il suo rinnovo e potenziamento) ed investire in strategie di gestione dei rifiuti che puntino alla diminuzione dei rifiuti prodotti, all’aumento della raccolta differenziata e massimizzino il recupero di materiali nonchè il riciclo di risorse”.

E’ necessario investire sul trattamento a freddo della frazione residuale attraverso la “Fabbrica dei materiali” e sviluppare una filiera imprenditoriale derivante dalla gestione virtuosa dei rifiuti che avrebbe anche positive ricadute occupazionali oltre a positivi impatti su ambiente e salute umana.